COME VESTIRSI PER LA MANIFESTAZIONE

Anche quest'anno lo spirito della manifestazione richiede di essere vestiti in sintonia con la propria vettura. In questo modo la manifestazione assumerà i contorni di un evento unico che sà abbinare il periodo storico delle vetture a come ci si vestiva e presentava. Un tuffo nel passato per tre giorni indimenticabili. Cliccando sugli anni troverai alcuni consigli su come vestirti:



Moda anni 1930
Le signore si vestivano sostanzialmente in lungo anche di giorno. L’abito doveva essere di seta, per esaltare il corpo senza doverlo scoprire, si utilizzavano anche i busti. Seno, vita e fianchi erano rivalutati dato che la stoffa vi aderiva, cadendo poi fino all’orlo in pieghe naturali.

Le scollatture, soprattutto quelle sulla schiena, non avevano limiti. Modelli possono essere Fred Astaire e Ginger Rogers; utilizzate anche le piume di struzzo.

Il capo più adatto a scaldare le spalle nude era naturalmente la pelliccia, in particolare la volpe argentata. Era considerato particolarmente elegante indossare due volpi intere. Chi non se la poteva permettere ripiegava su mantelle di velluto o stole di chiffon in colori luminosi.

Erano parte integrante dell’abbigliamento femminile i guanti e naturalmente il cappello e copricapo molto fantasiosi. Berretti, cuffie, pagliette, cappellini a campana o a piatto e ogni tipo di foggia fantasiosa. L’unico punto in comune era il modo di calzarli, leggermente obliqui sulla fronte. Le scarpe hanno un tacco alto e solido, bicolore.

Accessori erano borsette appiattite a forma di busta, oppure piccoli sacchetti con rigide chiusure a schiocco. Gli occhiali da sole diventarono l’accessorio d’ultimo grido.
Moda anni 1930
Gli uomini si vestivano con completi piuttosto eleganti, pagliette, guanti e cravatte e ascot non sgargianti. Consigliate le divise militari.

Moda anni 1940
La carenza di tessuti di moda e la mancanza di nuove proposte - ha portato alla nascita del pronto moda per le signore: gonne al ginocchio, scarpe basse con tacchi alti e giacche che segnano la spalla che si ispirano alle divise. Una ragazza in uniforme. Per il periodo del secondo dopoguerra, perché non provare una divisa? Essere una ragazza di paese, donna della polizia o l'infermiere per una giornata!
Moda anni 1940
Per gli uomini, l'austerità del periodo bellico ha portato alla tuta Utility, con la sua netta mancanza di pieghe, bottoni maniche e tasche applicate. Per uomini e donne, accessori come cappelli, guanti, sciarpe, cravatte e gilet erano vitali per sollevare i loro piuttosto grigi abiti. Un uomo in uniforme è sempre uno spettacolo gradevole per le signore, quindi perché non indossare una divisa militare del periodo - in linea con la storia della seconda guerra mondiale.

Moda anni 1950
Dopo la guerra i vestiti e i tessuti erano cari e difficili da trovare. Gli anni cinquanta hanno inaugurato un look audace e glamour. Il risultato sono stati abiti dai tagli dritti e non troppo luccicanti. Lo stile è quello di Grace Kelly e Audrey Hepburn. Si può provare a indossare un abito voluminoso con ampia cintura, sottili tacchi alti, cappello glamour coordinato con guanti eleganti e calze di nylon.Si può anche provare lo stile classico da giardino di campagna, un abito floreale o twin set e perle e un vestito di tweed, accompagnato da un cappello, colli di volpe, borsetta e guanti da abbinare.
Moda anni 1950
Negli anni cinquanta gli uomini hanno optato per acconciature eleganti, tagli stretti e più nitide per i loro abiti, minor uso di cappelli, utilizzato la maglieria, pantaloni kaki e giacche. L'influenza della cultura pop ha avuto un'influenza sulla moda. La gommina per i capelli, i Teddy Boy irrompono sulla scena, il rock 'n' roll riverberato attraverso il mondo della moda. Perché non provare un look disinvolto indossando un blazer, flanelle turn-up, accompagnati da una cravatta, un cappello Panama o Homburg; e non dimenticate un pizzico di gommina per capelli con un ombrello accuratamente arrotolato. Magari fumandosi una sigaretta o occhio di vetro. Oppure un look top-class e sofisticato come Cary Grant o Terry Thomas.

Moda anni 1960
Lo sconvolgimento politico e sociale degli anni 1960 si è riflesso sulla moda dando un tocco di innovazione. Un decennio in cui il bikini, mini gonna, i jeans a zampa di elefante e pantaloni “Capri” hanno fatto il loro debutto. Twiggy e Jean Shrimpton hanno dominato la passerella e la moda ha abbracciato completamente il sesso 'n' droga 'n' rock 'n'roll, uno stato d'animo che ha definito i mitici anni sessanta.Oppure vestitevi come Jackie Kennedy, provate un abito corto squadrato con colori pastello, bottoni di grandi dimensioni. Si può fare riferimento da top model del giorno, come Twiggy, Colleen Corby o Jean Shrimpton, provare un mini abito di velluto con colletti di pizzo e polsini di corrispondenza condito con le ciglia finte e rossetto pallido.
Moda anni 1960
Gli abiti si allontanano dalla pallide tonalità seppia, ora sono luminosi e colorati. Cravatte larghe, cinghie dei pantaloni anziché le bretelle, stivali di pelle e anche giacche senza collo. Le cravatte erano larghe anche oltre 12 centimetri, con stampe folli, righe e motivi. Per un look dandy incarnato da Brian Jones, provare a indossare un velluto doppio petto, gilet broccato e una camicia con colletto a balze. Alla fine degli anni '60 il look hippy (misto di caratteri femminili e maschili) era di moda. Uomini e donne indossavano i jeans sfilacciati a zampa d'elefante, cravatte e camicie colorate, camice da lavoro e fasce. Anche una tuta bianca da un meccanico (anche macchiata d'olio), stivali di pelle, e accompagnata da un berretto piatto, cinghia di cuoio e orologi a cronometro.

Per le ragazze
Le ragazze amano vestirsi a festa, con vestiti estivi, un cardigan in maglia bianca, calze alla caviglia e sandali. I capelli possono essere intrecciati se lunghi e un cappello di paglia è raccomandato. Si può far riferimento a Enid Blyton, scrittrice famosa per la sua produzione nel campo della letteratura per ragazzi.
Per i ragazzi
I ragazzi possono indossare un paio di pantaloni corti, giacca e calzettoni. Un berretto, una cravatta, scarpe eleganti.

I nostri osservatori valuteranno, per tutta la durata della manifestazione, chi saprà interpretare al meglio l’abbinamento auto vestito


I migliori vestiti

Vogliamo premiare coloro che faranno di tutto per indossare abiti particolari. Quindi incominciate a studiare un abbigliamento molto particolare.


come partecipare

Partecipare è semplice. Indossate vestiti tipici degli anni 1930-1940-1950-1960. Ogni giorno un gruppo di osservatori cercheranno il miglior abbinamento.
Per idee su cosa indossare visitare la sezione come vestirsi di questo sito.


I GIUDICI 2020

NADA NUOVO.jpg

Nada Nuovo, pugliese di origine, risiede ad Alessandria. Attratta dal bello dell’alta moda è dall'arte, dopo gli studi universitari di moda ed economia aziendale, apre la sua azienda; la sua filosofia aziendale “stile, qualità, artigianalità e unicità”.

Crea 4 brand con i quali firma le sue creazioni artigianali. Ottiene molti riconoscimenti tra cui l’Atlante d’oro come migliore stilista e impresa.

A settembre 2019 ha presentato la sua collezione P/E 2020 alla Milano Fashion Week ispirata alla femminilità della donna anni ‘90.

MILENA BISACCO.jpg

Milena Bisacco, ha incentrato tutta la sua vita sul teatro, grande scuola e mezzo di comunicazione tra individui.

Nel 2008 segue il grande sogno di dedicarsi alla ricerca dell’eleganza e della femminilità. L’amore per il vintage la trasporta, sin dalla adolescenza, a cercare tra i mercati dell’antiquariato vecchi libri, costumi di scena e ninnoli appartenuti a donne di teatro.

Ricerca da sempre il buon gusto e l’armonia di una presenza in scena che non va trascurata nella realtà.

 

Giudice e in seguito presentatrice, per diversi anni, del concorso nazionale Miss PinUp Vintage Roots di Inzago. Giudice al concorso Miss Burlesque Italia 2018. 

 

Oggi è un’insegnante di rilievo nel panorama del Burlesque, un riferimento per ogni performer appassionata che incontra nel suo Burlesque Atelier a Milano.

CRISTIANA DE GIGLIO.jpg

Cristiana De Giglio, da anni segue e supporta il GP Bordino con passione e coinvolgimento per giudicare l’abbinamento tra abbigliamento dei partecipanti e loro auto che sfilano in questa splendida occasione, coordinando la giuria .

Fa parte del mondo vintage e retrò con il suo gruppo Sweet Dolls  che accompagnano e animano l’arrivo delle auto nella caratteristica Piazzetta della Lega, centro storico di Alessandria e partenza del circuito Bordino. 

 

Direttore del sito Burlesque News e redattrice del blog Fallinvintage.